Home

Il blog di Guido Vitiello

Tre questioni di filologia fantozziana

with 5 comments

La centoduesima visione di Fantozzi (1975) di Luciano Salce, complice il clima di beata nullafacenza agostana, è stata più fruttuosa delle precedenti centouno. Ecco, per gli appassionati, tre questioni meritevoli di approfondimento, su cui mi auguro possa nascere un dibattito. Ne avrei in serbo un’altra dozzina, ma meglio non mettere troppa carne al fuoco.

1. Il direttore maniaco del biliardo che generazioni di spettatori, me compreso, hanno chiamato Diego Catellani, si chiama in realtà Catellami, con la m, a meno di ipotizzare che il Conte (cosa improbabile) abbia lasciato correre un refuso sotto la statua in bronzo dell’adorata madre Teresa.

 

2. Il maestro Mario Canello, scritturato dal rag. Filini per il veglione di Capodanno, tiene sul leggio lo spartito di Cabaret, musical ambientato nella Germania di Weimar.

Che questo abbia un nesso con il fatto che il fiabesco Pasquale Coppola, il cantante, è segnalato come “della Rdt”? Che tutta l’orchestrina sia composta di italiani emigrati in Germania?

Il maestro Canello, peraltro, compare vent’anni prima in Totò, Peppino e… la malafemmena (1956):

 

3. Com’è composta la biblioteca che segna la conversione di Fantozzi al marxismo, dovuta alla vicinanza con il collega Folagra, pecora rossa dell’azienda?

 

Sono riuscito a identificare quattro dei libri, ma mi servirebbe un fermo immagine ad alta risoluzione, dal dvd originale (che non ho):

P. Vranicki, Storia del marxismo, Editori Riuniti, 1973 (II ed.)

A.A.V.V., Pro e contro Stalin, a cura di M. Paltrinieri, Mondadori, 1971

V. Lenin, La comune di Parigi, Editori Riuniti, 1971

K. Marx, Il capitale, Avanzini e Torraca, 1965.

 

Cavolo, se sono un nerd.

Written by unpopperuno

agosto 12, 2012 at 5:00 pm

Pubblicato su Cinema, Cultura mostruosa, Deliri

Tagged with

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ecco, questa è sempre stata la mia giustificazione per aver comprato, e letto, entrambi i volumi di Vranicki.

    Edoardo l'Addolorato

    agosto 12, 2012 at 5:14 pm

  2. C’è però un’altra teoria. La madre di Catellani di cognome non poteva ovviamente chiamarsi Catellani. E’ quindi possibile che  il suo nome da nubile fosse “Catellami” e sia poi convolata a nozze con un “Catellani”. 
    Urge approfondimento

    Davide

    agosto 19, 2012 at 4:55 pm

  3. Ecco, il gruppo di Coppola era composto da italiani emigrati nella Repubblica Democratica Tedesca rientrati chissà come in Italia per il Capodanno del 1975.

    Tommaso

    agosto 24, 2012 at 10:18 am

  4. il maestro Canello è Mirko Baiocchi, fisarmonicista, morto a Roma nel 1980. Il personaggio più importante che abbia mai interpretato è quello di Armando Clerichetti, alias “il Biondo”, stampatore omosessuale di Splendori e miserie di Madame Royale.

    John Blaz

    marzo 23, 2013 at 3:59 pm

  5. Il maestro Canello-Baiocchi compare anche in “Audace colpo dei soliti ignoti”…

    Carlo

    agosto 22, 2014 at 7:19 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 237 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: