Home

Il blog di Guido Vitiello

Chi sono

with 15 comments

Guido Vitiello farebbe volentieri a meno di scrivere questa sezione, ma ha una pistola puntata alla tempia.

È nato a Napoli. Dal 1975 al 1979 era biondo, e per lo più guardava il mare da un terrazzino. Dal 1980, già non più biondo, vive a Roma. Non crede nemmeno un po’ nell’astrologia, ma accidenti quanto è Scorpione.

Insegna (per lo più cose di cinema) agli studenti di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione della Sapienza di Roma, cura una rubrica di recensioni per Internazionale e scrive libri (rigorosamente worst seller). Quando ha in mente qualche idea bizzarra, trova asilo sulle pagine de La Lettura, il supplemento culturale del Corriere della Sera, del Foglio e di IL, mensile del Sole24Ore.

A tempo perso, è il cantante e chitarrista dei The Alchemists – Dire Straits Tribute Band, quanto basta per rovinarsi una reputazione già compromessa.

Per il resto è un vorrei-ma-non-posso essere un uomo del Rinascimento che aspira a conoscere tutto, a far tutto e a interessarsi di tutto. Di certo il suo studio somiglia molto all’atelier di Pippo/Leonardo da Vinci.

Written by unpopperuno

ottobre 21, 2009 at 2:39 pm

15 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ciao,
    ho letto e fatto girare con grande soddisfazione i tuoi sette punti sui luoghi comuni della lettura. Da addetto ai lavori te ne vorrei consigliare un ottavo: non farti mai ingannare dalla copertina. E invece no: la copertina vuol dire tutto, e dice anche molto di più di quanto sembri. Anche perché, se sei culturalmente impegnato o, comunque, nel dubbio, ti affidi ai culturalmente impegnati senza macchia e senza paura, come i tipi del 24 ore (ora diretti, se non sbaglio, dal grande intellettuale senza giacca), potrai goderti sulla “Grande Biografia” n.10 di Federico II niente popò di meno che un ritratto di Federico da Montefeltro! Orrore e soddisfazione. E nessuno si indigna, perché di cantonata co(s)mica si parla, da parte di chi, per auto-proclamazione, solo di cantonate altrui co(s)micamente parla. Un caro saluto, da un modesto e ghignante autore di romanzi d’avventura per ragazzi.

    Pierdomenico Baccalario

    novembre 22, 2010 at 1:39 pm

  2. [...] Non conoscevo il blog da cui è tratto, ma devo dire che sto apprezzando gli interventi dell’autore. Il link all’articolo è questo: http://bit.ly/frzJFq, dal blog [...]

  3. possiamo partecipare al concorso internazionale di cucina? naturalmente i broccoli saranno totalmente esclusi dal menu

    labandadeibroccoli

    dicembre 4, 2010 at 3:33 pm

  4. Ho cominciato un blog, due settimane fa, proprio citando UnPopperUno. Non posso non segnalare il post inaugurale: http://maytheroad.wordpress.com/2011/04/27/hello-is-there-anybody-out-there/
    Non ce la faccio ad essere geniale così, però!Quindi, nel caso in cui vi aspettiate una grande scrittrice… beh, passate pure oltre e non torturatevi con il mio blog! (Però… dottor Vitiello… io mica so se a lei piace il masochismo…)

    Lina De Cicco

    maggio 13, 2011 at 6:59 pm

  5. Caro Guido, letto articolo aspro e brillante su Agamben. Trovo però che sia impegnativo stroncare il Giorgietto, il rischio è vedere gli “etimologismi osé” (Agamben ha una laurea in filologia – se vuoi come Nietzsche – e non in filosofia), e la pletora dei suivant spesso un po’ imbambolati, mancando il rovello del suo discorso, diciamo il radicalismo dell’analogia tra i “musulmani” del lager e gli abitanti del lager mediatico che noi siamo.

    fabrizio elefante

    febbraio 11, 2012 at 5:05 pm

    • A me quel rovello pare molto frivolo. Quando Agamben scrisse, nel gennaio del 1994 su Le Monde, che con le elezioni in Italia sarebbe potuto accadere di tutto, “perfino dei nuovi campi di concentramento”, parlava da vanesio irresponsabile e caricaturale. E quando, in quel brutto libro su Auschwitz, pieno di manipolazioni interpretative e di una radicale (quella sì) incomprensione di Primo Levi, scrisse che la partita di calcio tra SS e Sonderkommando si ripete ogni domenica nei nostri stadi, c’era da chiedersi quanto la ruminazione filologica gli avesse dato alla testa. Detto questo, “Stanze” è un grande libro. Grazie per il commento! Ma perché non l’hai messo in calce al pezzo su Agamben?

      unpopperuno

      febbraio 11, 2012 at 5:11 pm

  6. ciao guido,
    io preferisco la tua meta’ meno seria….the alchemists….unici!!
    ci vediamo stasera influenza permettendo
    ciao
    gianmarco

    gianmarco

    febbraio 17, 2012 at 10:53 am

  7. Gentile Guido Vitiello, ho appena letto il suo interessante articolo – Noir, falsa biografia d’Italia – sull’inserto laLettura del Corsera di stamani e tento… “… mi convinco che la vita equivale a curiosità” non è che il finale del primo romanzo di una trilogia dedicata a riportare in scena un mito chandleriano: Marlowe, un detective che ama il Jazz, il cinema e le avventure letterarie ideate lungo la west-coast californiana dei ’50.
    1) http://www.robinedizioni.it/marlowe-ti-amo / http://www.ultimabooks.it/marlowe-ti-amo
    2) http://www.robinedizioni.it/dimmi-chi-sei-marlowe / http://www.ultimabooks.it/dimmi-chi-sei-marlowe
    3) http://www.robinedizioni.it/doppio-marlowe / a giorni disponibile anche in formato eBook
    L’autore è uno pseudonimo di Udine, un friulano ancora in vita ma molto in là con gli anni, che tenta di sfiorare l’attenzione di un giornalista/scrittore/e molto altro.
    Cordialissimi saluti.
    Con stima.
    Frank Spada
    frank@frankspada.eu

    Frank Spada

    giugno 10, 2012 at 10:16 am

  8. Signor Vitiello. Anzi, Egregio Signor Vitiello,tutto in maiuscolo, ho appena letto la sua recensione sul nuovo libro di Paolo Sorrentino nel supplemento del Corriere e le devo assolutamente fare i complimenti!!!!
    Finalmente c’è una persona che legge e capisce quello che ha letto, e non segue la corrente di questi fiumiciattoli italiani pieni di autori mediocri(tutto in minuscolo), sopravvalutati, superincensati, superspacciati da stampa, giurie e cosiddetti ‘esperti'(sempre in minuscolissimo),che invece fanno finta di aver o non aver capito, e costruiscono monumenti dove invece bisognerebbe silenziosamente passare oltre.
    Il libro di Paolo Sorrentino è semplicemente penoso,sia nella struttura che nella forma, come del resto lo era il libro precedente, superapprezzato dai critici(maiuscolo o minuscolo?fate voi) e dal premio Strega,e come era altrettanto mediocre il suo ultimo film THIS MUST BE THE PLACE,anch’esso supercelebrato da tutti come se fosse arrivato un nuovo Bresson o Kurosawa. Paolo Sorrentino è l’esempio lampante di come oggi autori non più che discreti vengano fatti passare per geni assoluti. E mi riferisco sia a scrittori,che a registi o musicisti. Certo se sull’altro piatto della bilancia mettiamo Fabio Volo o i Vanzina, i vari Sorrentino, Crialese, Moresco o Piperno vincono 6 a 0. Ma quando poi li proviamo a infilare nella casella della Storia (maiuscolo x 3) del cinema o della letteratura spariscono del tutto!!!!! o almeno è quel che penso io….

    Le rinnovo i complimenti Signor Vitiello e stia sempre lontano da quelle acque inquinate e malsane piene di criticoni e puzzoni incompetenti

    Mario Alberto Sanviti

    Mario Alberto Sanviti

    giugno 17, 2012 at 1:51 pm

  9. Non ho letto il nuovo libro di Paolo Sorrentino e quindi non posso condividere o meno le sua opinione. Ma le volevo fare i complimenti per l’articolo bellissimo, apparso sull’inserto letterario del Corriere della sera, che mi ha lasciata senza fiato. Una recensione in crescendo. Una stroncatura megagalattica per non dire “d’autore”. Guido Vitiello, ti ho scoperto ieri ma ti leggerò ancora.

    Laura Ottolini

    giugno 18, 2012 at 3:25 pm

  10. Gentile Vitiello. Lerner è capace di vendere la sua madre per fare un po’ di soldi. S’immagini la sua appartenenza alla “razza”… Sarebbe stato il kapó perfetto..Cordiali saluti

    Mario Mandelbaum

    novembre 4, 2013 at 2:33 pm

    • Ora però non esageriamo sul versante opposto. Per me il torto di Lerner è quello di aver usato impropriamente Levi per vincere una polemicuccia con Battista. Ma non di più.

      unpopperuno

      novembre 6, 2013 at 11:05 am

  11. Frank Spada

    agosto 22, 2014 at 7:06 pm

  12. ottimo l’articolo su Recalcati di oggi. Grazie!

    jean

    settembre 21, 2014 at 7:54 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 252 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: